25 Agosto 2022

MAX GAZZE’ CHIUDERA’ IL FESTIVAL OCCIT’AMO DI SALUZZO

Mercoledì 7 settembre alle ore 21 a Saluzzo presso Il Quartiere (piazza Montebello 1) il concerto di Max Gazzè chiude l’ottava edizione del festival Occit’amo che, negli ultimi due mesi, ha invaso le valli Po, Bronda, Infernotto, Varaita, Maira, Grana e Stura e la pianura del Saluzzese con decine di appuntamenti e un’estate di spettacoli ed esibizioni. Per assistere al concerto di Gazzè è possibile acquistare i biglietti in prevendita su ticketone.it e presso i rivenditori autorizzati al costo di 23 euro. Per l’accesso di spettatori portatori di disabilità (ingresso omaggio) contattare info@suonidalmonviso.it o 349/3282223 o 349/3362980. Ingresso gratuito per i bambini di età inferiore ai 5 anni. Sabato 3 settembre, invece, alle ore 21 salirà sul palco Michele Bravi per una serata inserita nel cartellone di Suoni delle Terre del Monviso e organizzata da Suoni dal Monviso e Occit’amo Festival in collaborazione con il Comune di Busca: i biglietti sono disponibili in prevendita su ticketone.it e presso i rivenditori autorizzati al costo di 21,65 euro, con uno sconto di 5 euro per i ragazzi nati tra il 2003 e il 2008. Il calendario completo degli eventi è pubblicato sul sito www.occitamo.it, dove è possibile acquistare i biglietti per gli eventi a pagamento.

 

Da Quotidiano Piemontese

 

Ti potrebbero anche interessare

SUCCESSO A MONDOVI’ PER IL BINOMIO ARTE E MOTORI
23 Luglio 2024

Un pubblico numeroso e caloroso ha accompagnato la tre giorni monregalese riservata al mondo dei motori. Dalla cornice di “Cuneo Illuminata” alla scritta “Ferrari” nel quartiere di Piazza, passando per la presentazione degli equipaggi in costume d’epoca a Mondovì Breo.


CARDE’: MORTO AGRICOLTORE DOPO INTERVENTO
22 Luglio 2024

E’ morto al Cto di Torino, il giorno dopo l’incidente sul lavoro a Cardè.
La vittima è Giampiero Pasero, operaio di 65 anni di Crocera di Barge, coadiuvante in un’azienda agricola in località Ormea a Cardè.


CC RECUPERANO SARCOFAGO E MONETE ANTICHE
20 Luglio 2024

Un sarcofago risalente alla metà del III sec. d.C. e di tipologia hapax, 2400 monete di natura archeologica, 2 unguentari in vetro e numerosi oggetti bronzei decorativi provenienti verosimilmente da un corredo funerario di epoca romana e diversi elementi architettonici in marmo proveniente dall’area dell’Egeo settentrionale e pietra, tutti riconducibili all’età romana imperiale sono stati recuperati, a seguito di attività investigativa, dal Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Torino


Invia i tuoi video per
TG4

Invia i tuoi contributi video alla redazione del TG4  
Realizza il tuo video e invialo con wetransfer.com non dimenticare di scaricare il pdf della liberatoria e allegarlo nel form.

Compila i tuoi dati e allegalo al video per autorizzarne la messa in onda!

Oppure contattaci via mail redazione@telecupole.com